Buongiorno cari lettori di Tecnogalaxy, oggi vi andremo a parlare di Twitter che sta apparentemente morendo.

È passato un anno da quando Elon Musk ha avviato la sua acquisizione di Twitter. I sei mesi trascorsi da quando ha effettivamente assunto il comando possono essere definiti solo caotici. All’inizio di aprile, Musk ha fuso Twitter con una nuova società di comodo chiamata X Corp. In altre parole, Twitter Inc. non esiste più.

Se sei su Twitter oggi, probabilmente stai riscontrando un’app che presenta molti bug, più casuale e più sconnessa. Il sito ha registrato un aumento sostenuto di interruzioni e bug. Molti utenti si lamentano di vedere più contenuti nel nuovo feed For You che non vogliono vedere.

Alcune persone su Twitter, in particolare la fanbase dedicata di Musk, stanno seguendo la scossa di Musk. Ma non si può negare che il social di Musk oggi sia un’esperienza più inaffidabile di quanto non fosse prima che Musk prendesse il sopravvento. Musk ha giustificato le sue numerose mosse controverse dicendo che lo sta facendo in nome della libertà di parola.

Il problema è che il piano di Musk non sembra funzionare bene come dice. Il traffico web di Twitter è diminuito di quasi l’8% il mese scorso rispetto all’anno precedente ed è diminuito negli ultimi tre mesi secondo nuove stime. Ciò contraddice direttamente le affermazioni di Musk secondo cui l’utilizzo è aumentato. In termini di principale linea di reddito del social, la pubblicità, anche i dati esterni sono in conflitto con le affermazioni di Musk secondo cui tutto va bene. Diversi rapporti negli ultimi mesi hanno dimostrato che i migliori marchi continuano a lasciare la piattaforma da quando Musk è subentrato.

Le basi: Twitter dai numeri

Ci sono due domande fondamentali che puoi porre per valutare la fattibilità di qualsiasi piattaforma di social media a scopo di lucro: Le persone la usano? E fa soldi?

Alla prima domanda, Musk afferma che l’utilizzo di Twitter è al massimo storico di 8 miliardi di minuti al giorno. Ma queste affermazioni non sono supportate da stime esterne , che, sebbene non esatte, suggeriscono che Twitter sia in realtà meno popolare rispetto a prima che Musk prendesse il sopravvento.

Twitter ha registrato un calo del traffico del 7,7% ad aprile rispetto all’anno precedente, che segna il terzo mese consecutivo di calo del traffico anno su anno. La società ha anche registrato un calo del 3,3% nel conteggio dei visitatori delle pagine Web uniche di Twitter su base annua.

Questi numeri non sono necessariamente devastanti e il social stava già perdendo utenti anche prima che Musk prendesse il sopravvento ma sono in netto contrasto con i numeri di utenti che Musk continua a citare.

Parte della disparità tra i numeri di Musk e quelli di terze parti potrebbe essere spiegata dal modo in cui vengono misurati. Anche se il traffico è in calo, il coinvolgimento, ovvero il numero di persone che interagiscono con i contenuti su Twitter, potrebbe essere maggiore. Musk ha anche detto che si preoccupa di più dei ” minuti per utente”. Questa nuova metrica, si riferisce ai minuti che le persone trascorrono sulla piattaforma.

Ovviamente, dal momento che Twitter non è più un’azienda pubblica, non deve condividere regolarmente i dettagli dei suoi numeri utente. Ciò significa che solo Musk e Twitter hanno accesso diretto ai numeri interni sul coinvolgimento degli utenti e sul tempo trascorso. Quindi le stime esterne di queste metriche non riflettono perfettamente le dimensioni e la crescita della base del social. Tuttavia, queste statistiche di terze parti sollevano seri dubbi sull’affermazione di Musk secondo cui l’utilizzo di Twitter è ai massimi storici.

Sulla questione se Twitter stia facendo soldi, la società ha due principali forme di reddito: la pubblicità e le entrate degli abbonati, nessuna delle quali sembra andare alla grande.

Oltre la metà dei principali inserzionisti di Twitter prima dell’acquisizione di Musk non faceva più pubblicità con la società dal mese scorso, secondo i dati della società di intelligence SensorTower di Pathmatics. Molti di questi inserzionisti sono principalmente preoccupati per la volatile presenza online di Musk .

Musk parlerà con gli inserzionisti in un’importante conferenza di marketing organizzata dal gigante della pubblicità MMA, dove sarà anche intervistato dall’influente dirigente pubblicitario di NBCUniversal Linda Yaccarino. Questa potrebbe essere un’occasione per Musk per alleviare le preoccupazioni dei marchi che sono fuggiti e cercare di convincerli che gli affari sono tornati alla normalità.

In ogni caso le ultime metriche mostrano che solo lo 0,2% degli utenti di Twitter paga per Twitter Blue. Twitter Blue ha avuto circa 116.000 iscrizioni confermate sul web, in aumento del 138% rispetto al mese precedente. Tuttavia, non è abbastanza per compensare i soldi persi.

Questo per ora è tutto riguardo a Twitter e al calo degli utenti, ad un prossimo articolo.

Leggi anche:

Ti è stato di aiuto questo articolo? Aiuta questo sito a mantenere le varie spese con una donazione a piacere cliccando su questo link. Grazie!

Seguici anche su Telegram cliccando su questo link per rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli e le novità riguardanti il sito.

Se vuoi fare domande o parlare di tecnologia puoi entrare nel nostro gruppo Telegram cliccando su questo link.

© Tecnogalaxy.it - Vietato riprodurre il contenuto di questo articolo.