Dalla StartUp Kloters italiana in collaborazione con Anemotech srl ecco la maglietta ecologista: RepAir.

Il tessuto Breath

RepAir è potuta nascere grazie al tessuto brevettato dall’azienda collaboratrice: ‘the Breath®’ che neutralizza sostanze inquinanti, batteri e cattivi odori. L’inserto di Breath, posto nell’apposita tasca sul davanti della maglia, sfrutta il movimento naturale dell’aria assorbendo e disgregando le molecole inquinanti. Tecnologia, quella di Breath, applicata già in passato su ambienti interni, esterni e su cartelloni pubblicitari.

Il sistema the Breath® è formato da due strati esterni stampabili.Uno in tessuto idrorepellente con proprietà battericide, antimuffa e anti-odore. L’altro strato intermedio è formato da fibra adsorbente carbonica additivata da nano molecole, che assorbe e disgrega le micro particelle inquinanti presenti nell’atmosfera (NOx, SOx, composti organici volatili, ozono, idrocarburi policiclici aromatici, benzene e altri inquinanti). La maglia, invece, è in cotone, genderless e interamente prodotta in Italia. Tutto ciò porta quindi ad affermare il basso impatto ambientale che ha RepAir sull’ambiente.

Come funziona

Beh, non essendo alimentata da fonti energetiche e, trattandosi di una “semplice” maglietta: basta indossarla per metterla a lavoro!

L’ecosostenibilità

I test condotti dall’Università Politecnica delle Marche hanno dimostrato che il materiale di cui è composta RepAir è in grado di assorbire il 97% dei composti organici volatili, il 92% del biossido di zolfo e l’86% dell’ossido di azoto. RepAir quindi  riesce ad assorbire l’inquinamento di ben due macchine!! Inoltre, gli ideatori del progetto, affermano di aver voluto usare il cotone come tessuto della maglietta proprio per far sì che resisti a lunghi periodi di utilizzo. Non riportano però stime a riguardo.




Dove acquistare RepAir

Per adesso sul sito Kickstarter è in atto una campagna fondi arrivata ormai a €10,000. Sulla vendita aspettiamo aggiornamenti.

Hai trovato interessante questo articolo? Allora puoi dare un’occhiata a L’idea di 8 ragazzi: il treno meno dispendioso di sempre