Il moderno successo del videogioco ha un debito enorme nei confronti dello sviluppo e diffusione degli smartphone: è anche grazie ai moderni cellulari che chiunque ha accesso ai più differenti intrattenimenti videoludici. Una realtà fotografata anche dai dati che periodicamente vengono analizzati: le percentuali di mobile gamer, vale a dire chi si dichiara videogiocatore esclusivamente su titoli per smartphone, sono ormai stabilmente maggiori rispetto ai videogiocatori tradizionali, toccando percentuali altissime (fino al 90%) in paesi come Cina o India.

Quello tra videogioco e smartphone è un incontro particolarmente fortunato che segue il successo delle console portatili: i vari modelli Nintendo o Sony hanno ceduto il passo agli smartphone di ogni fascia di prezzo, ormai diventati tra le altre cose anche delle console a tutti gli effetti. Non sorprende dunque constatare come, nel mobile gaming, si trovi un’offerta di generi videoludici che niente ha da invidiare ai tradizionali sistemi di gioco, da PC a console casalinghe.

Il genere di maggior diffusione sugli smartphone è, per distacco, quello dei giochi casual. Si tratta di un aspetto ereditato dalle caratteristiche dei primi videogiochi portatili: questi erano pensati per essere giocati in momenti morti, per esempio su un mezzo pubblico o in coda, e di conseguenza dovevano consistere in partite di pochi minuti con regole semplici da padroneggiare. Ancora oggi, sui moderni smartphone, questi titoli sono diffusissimi e soddisfano le stesse necessità da oltre 35 anni.

Parzialmente simili sono poi i puzzle game: anche in questo caso parliamo di titoli pensati come passatempo, ma con gameplay tendenzialmente meno veloci. Si tratta infatti di giochi più simili a rompicapi: le regole sono molto intuitive, ma le partite possono richiedere più tempo e un approccio decisamente più riflessivo. Da giochi tradizionali, come Sudoku o Mahjong, fino a parole intrecciate, match three game e giochi di fisica, i titoli di questo genere risultano sempre molto apprezzati.

Nel generale sviluppo del videogioco come mezzo di intrattenimento nemmeno lo smartphone è rimasto indenne: sui sistemi operativi mobili hanno fatto la loro comparsa anche logiche di gioco più legate al gaming tradizionale. È per esempio il caso degli eSport: è ormai comune che le competizioni di videogiochi possano essere svolte anche su titoli per cellulari, con l’organizzazione di tornei che nulla hanno da invidiare a quelli basati su titoli più altisonanti. Franchise storici come Call of Duty e Pokémon hanno creato parte del loro scenario competitivo proprio sui titoli rilasciati per smartphone.

Più particolare è il caso del poker sportivo: incrocio per certi versi unico tra eSport e gioco di strategia, il suo enorme sviluppo digitale non poteva che evolversi verso i sistemi operativi mobili, diventati presto ambiente ideale per diversi operatori del poker digitale. Tra le piattaforme maggiormente utilizzate tra quelle specializzate, un posto d’onore spetta senz’altro a PokerStars: si tratta dell’operatore più noto tra quelli operativi nel poker online, capace di affiancare l’organizzazione di tornei internazionali all’offerta di room nelle quali potersi confrontare a ogni livello e all’allenamento tramite guide, strategie e curiosità. La popolarità del poker oggi continua sugli smartphone, grazie ad app che mantengono a portata di mano un’offerta in costante aggiornamento.

Rimanendo in ambito sportivo, sono estremamente diffusi i giochi di guida. Da un lato, infatti, questi sono estremamente versatili: possono comprendere titoli più simulativi e altri più cartooneschi, accomunati dal fatto di dover guidare un qualche mezzo di trasporto. Dall’altro lato, i giochi di guida hanno il vantaggio di poter contare su un sistema di controlli particolarmente adatto: i controlli touch si prestano perfettamente a controllare un veicolo senza dover interagire con diversi tasti, e non sono pochi i casi in cui vengono sfruttate allo stesso scopo componenti del telefono come l’accelerometro.

A proposito di elementi specifici come il touchscreen e l’accelerometro: tra i videogiochi più diffusi compaiono proprio quelli che fanno miglior uso delle caratteristiche distintive dello smartphone. Per esempio, fin dagli inizi della diffusione dei cellulari con touchscreen hanno riscosso successo i titoli che implementavano il tocco nel gameplay: si possono fare gli esempi di Fruit Ninja e Angry Birds, due tra i titoli maggiormente amati del mobile gaming. Anche la fotocamera è rapidamente diventata un elemento utilizzato nel gaming, essenziale per i giochi in realtà aumentata: all’immagine catturata dalla fotocamera del telefono vengono sovrapposti gli elementi di gioco, dando l’impressione di giocare nel mondo reale. Tra gli esempi di maggior successo titoli appartenenti a franchise come Pokémon, Harry Potter e The Walking Dead, a testimonianza del grande apprezzamento per questo particolare genere di mobile gaming.

Leggi anche:

Ti è stato di aiuto questo articolo? Aiuta questo sito a mantenere le varie spese con una donazione a piacere cliccando su questo link. Grazie!

Seguici anche su Telegram cliccando su questo link per rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli e le novità riguardanti il sito.

Se vuoi fare domande o parlare di tecnologia puoi entrare nel nostro gruppo Telegram cliccando su questo link.

© Tecnogalaxy.it - Vietato riprodurre il contenuto di questo articolo.